Domenica 6 agosto

GIUSEPPE RESCIFINA
FRANCESCO MATTIOLI
GRUPPO LA CONTESA

 

Biglietti

Posto unico 12 euro | ridotto 10 euro

Prezzi al netto dei diritti di prevendita
Riduzione valida per spettatori under 26 e over 65

FERENTO , Un ricordo a 850 anni dalla distruzione


pièce ideata e condotta da Giuseppe Rescifina

tratta da “Storie ferentesi vere e inventata” di Francesco Mattioli

con Francesco Mattioli

con il gruppo “La Contesa”

 

Il declino e la definitiva distruzione della città di Ferento avverne nel 1172 ad opera dei viterbesi. Tale fatto sembra essere scaturito da continue rivalità tra i due centri sul controllo del territorio. A seguito della distruzione dell’antica città, una parte della popolazione si rifugiò in località “Le Grotte (attuale Grotte Santo Stefano) mentre ad altri fu permesso dai viterbesi di trasferirsi in città presso la zona di San Faustino. Giuseppe Rescifina, giornalista e saggista, con la collaborazione del Gruppo “La Contesa “ ricostruirà gli ultimi giorni di una città che in epoca romana era stata definita “splendidissima” e che, secoli successivi ha vissuto alterne vicende, che le hanno fatto perdere il proprio ruolo strategico nell’Alto Lazio, fino, appunto, alla completa scomparsa a seguito dell’ultimo assalto.

All’evento parteciperà Francesco Mattioli, già professore ordinario di Sociologia presso l’Università La Sapienza di Roma, autore del libro “Storie ferentesi vere e inventate”, pubblicato recentemente.

La performance è l’occasione per ricordare l’antico splendore della città nella cui area archeologica si svolgono gli spettacoli del Ferento Teatro Festival 2023.